Four Female illustrators to Get Inspired And Celebrate Womanhood

4 illustratrici da cui prendere ispirazione e celebrare la femminilità.

/ Cool things
Storicamente, le donne sono state ritratte nell'arte principalmente come creature seduttive. Ciò è probabilmente dovuto alle nozioni vecchio stile, dettate dagli uomini, della pubblicità; minimizzare le donne come nient'altro che esseri iper-sessualizzati e sottomessi, con il compito unico di dare.

In passato ci sono stati alcuni artisti, come Klimt, che hanno raffigurato tutte le forme di femminilità. L'arte moderna ha messo in mostra le donne in una miriade di modi. Tuttavia, c'è una nuova ondata di donne che varcano i confini, che sentono che c'è molto altro da dire.

Queste quattro artiste hanno fatto propria la missione di rappresentare le donne in tutto il loro splendore multidimensionale: come esseri diversi e intelligenti, che sentono l'amore e sperimentano la perdita, che esplorano relazioni, la sessualità e persino la moda in questo mondo frenetico.

Lungi dal difendere standard corporei non realistici, pose meccaniche ed espressioni compiacenti, le donne come l'illustratrice di New York Amber Vittoria stanno "smantellando i cliché con cui la società imbriglia le donne" e non hanno paura di presentare le intricate complessità del mondo femminile mentre dipingono un quadro completo di positività corporea.

Con una tavolozza di colori di tonalità prevalentemente calde, Vittoria mette in mostra donne dalle gambe lunghe con i capelli corti in tutta la loro sinuosa gloria. Le sue deliziose esibizioni sartoriali di personaggi voluttuosi che indossano lingerie, costumi da bagno e altri pezzi aderenti, sono un fresco promemoria della non necessità che qualcuno ci detti dimensioni e forma.

Nel frattempo, spogliati sia dei vestiti che del colore, i disegni delle donne di Frances Cannon sono un luogo sicuro in cui rivelare l'identità grezza e strana dei suoi personaggi. L'artista australiana descrive non solo il corpo femminile e le sue funzioni vitali, ma ha ampliato la sua gamma di personaggi per includere le donne che si identificano come estranee alle norme sociali tradizionali.

L’impatto della Cannon non è trascurabile. Molti dei suoi fan si sono spinti fino a tatuarsi i suoi disegni per dichiarare la propria vera liberazione dalle visioni, spesso ristrette, della società sull'identità e la sessualità femminile.

Da parte sua, la nativa spagnola Paula Bonet fa un ulteriore passo in avanti facendo diventare vulve e capezzoli i protagonisti assoluti della tela. Sebbene sia diventata famosa per la sua penna accattivante e le illustrazioni acquerellate di ragazze stravaganti con le guance arrossate, le ha recentemente messe da parte per rappresentare gli embrioni nella sua dura testimonianza della realtà, spesso silenziata, delle perdite gestazionali.

L'artista di Valencia ha anche iniziato a scrivere, toccando il tema dell'aborto, raccontando la sua esperienza personale nel libro intitolato: Roditori. Corpo in gravidanza senza feto.

In assoluta pace con la sua anatomia e le sue idee, il lavoro di Kelly Beeman, con sede a New York, è una boccata d'aria fresca. Le sue donne indossano con stile le tendenze della stagione, ma non usano la moda per sedurre, la utilizzano come uno strumento per esprimersi senza mezzi termini.

Sia negli acquerelli che nei dipinti ad olio i suoi personaggi, dagli occhi a mandorla e il naso perfettamente dritto, raccontano storie di sorellanza e affermazione femminile mentre esplorano il significato delle tendenze e dell'apparenza nella cultura moderna.

Una delle opere più celebri di Beeman è la serie "Sorelle", un editoriale di moda illustrato commissionato da Marie Claire Italia nel 2016. In ogni dipinto unico, prendendo spunto dalla sua esperienza familiare, esplora la vita di quattro sorelle, i loro rapporti reciproci e le loro individualità.

Che sia stravagante e leggero o crudo ed emotivamente carico, il lavoro di queste fantastiche artiste non è solo una rappresentazione autentica di ciascuna delle loro personalità. È molto di più; si spogliano di pensieri che trasmettono un messaggio tanto necessario di sorellanza, accettazione di sé e positività corporea.